Lotta all'evasione, classifica amara per Treviglio

Treviglio, seconda città della Provincia, è undicesima per capacità degli organi comunali di lotta all’evasione fiscale.

Le tabelle pubblicate dall’Eco di Bergamo parlano chiaro. Bergamo città riesce a raccogliere 505.447, 56 euro. Lovere è vicina, con 456.856,86. Treviglio solo 9248,12.

Ben 54 volte in meno. C’è qualcosa che non va, evidentemente.

Eppure sarebbero soldi che, almeno il primo anno, entrerebbero tutti nelle casse del Comune, in applicazione di una legge basata sulla convinzione che gli Enti locali siano più vicini degli uffici statali alla realtà in cui operano. In un piccolo centro ci si conosce tutti: certi eccessi si vedono.

Sembrerebbe ovvio, ma possibile che raschiando il barile della “ricca” Treviglio, non si arrivi neanche a 10 mila euro?

Il mezzo milione di Bergamo conta qualcosa, per i conti del capoluogo. Per noi è una mancetta.

Per carità, c’è chi sta peggio. Caravaggio, ad esempio, non arriva a 250 euro.

L’impressione è che molti Comuni questa legge o non la conoscono o non la vogliono applicare. Treviglio evidentemente la conosce, ma è scarsa in applicazione.

Certo, siamo in tempi assai strani, in cui sta per partire un condono firmato 5Stelle che spara introiti miliardari per poter fingere di coprire l’acquisto di voti del Sud, con la convivenza di una Lega che ha campato per decenni sulla lotta ai lazzaroni meridionali, e che ora tiene il sacco del reddito di cittadinanza.

Ma un po’ più di rigore, no?

In evidenza
Post recenti
Tags