LONTANO DAGLI OCCHI, LONTANO DAL CUORE

Siete stati al Luna Park di Treviglio? Io ci vado ogni anno.

Ormai siamo alla terza edizione nella nuova fiera a sud della stazione e dovrebbe essere chiaro a tutti: lì non funziona.

E' vero, la presenza nel tessuto cittadino delle giostre qualche disagio lo provocava ma spostarle a sud della stazione le sta condannando a una lenta agonia. Lo sanno i giostrai e lo sa chiunque si sia recato a vedere il Luna Park soprattutto nei giorni non festivi. E' inutile che si dica che la nuova posizione non è poi così lontana del centro storico, anche qui è evidente che in realtà la fiera è molto meno baricentrica per Treviglio di Foro Boario. Lo scalo ferroviario rappresenta una barriera fisica e le famiglie tengono i figli a casa. Anche qui per capirlo basta parlare con qualche genitore. Il risultato è la lenta agonia del Luna Park che paga colpe non sue. Il trasloco nasce dalla necessità dell'amministrazione comunale di riempire la nuova fiera, un'opera per la quale che l'assessore Basilio Mangano ha dovuto ammettere nell'ultimo consiglio comunale ha già speso quasi 7 milioni di euro (e i lavori non sono ancora finiti). Anche la nuova dislocazione delle bancarelle della fiera della Madonna delle Lacrime dalla fiera lungo il piazzale della stazione centrale, via De Gasperi fino in centro non è funzionale alla città ma solo a questa necessità di giustificare i tanti soldi spesi. Il risultato sono disagi per i pendolari e una festa che va spegnendosi.

Siamo ancora in tempo sindaco @Juri Imeri per #Faremeglio. Riportiamo la fiera vicino al centro abitato.

La mia proposta è di mettere le giostre nella zona del Palazzetto spostando le roulotte, ora a ridosso del cimitero, altro parcheggio necessario per chi lavora in centro, nell’area a sud di via Aldo Moro al Pip1 che tanto non è usato da nessuno.

In evidenza
Post recenti
Tags