Treviglio: il cuore arranca

Una vetrina spenta è un indizio, un'altra vetrina vuota è un secondo indizio, un terzo negozio chiuso è un altro indizio ancora. E così via: quattro, cinque .... dieci negozi tutti vuoti. Anche il peggiore degli investigatori deve essersi accorto che qualcosa non va in via Roma. Il cuore commerciale di Treviglio arranca, basta andarci a fare un giro con buona pace di chi non lo vuole vedere. Ci avevano promesso che piazza Setti avrebbe risolto tutti i problemi. Che dopo i due anni di lunga attesa per il cantiere, avrebbe soffiato benessere nel centro storico, ripopolando non solo le arterie principali del commercio ma anche i vicoli. Bel film... il fantasy mi è sempre piaciuto! Non solo non si sono risolti i problemi di via Galliari e via San Martino, ma adesso dobbiamo fare i conti con la "desertificazione" di via Roma. Continuando a parlare di cinema ci avevano promesso che una volta aperta piazza Setti si sarebbe riempita di eventi, concerti, teatro, recital, danze e giocolieri. Invece il deserto. Non c'è stata nemmeno la pista di pattinaggio per Natale, ma ci hanno detto "la faremo più grande l'anno prossimo". Mentre tanti altri comuni si davano da fare per supportare i loro commercianti il sindaco diceva che "i nostri tanto erano contenti così". Sicuramente hanno apprezzato, come hanno apprezzato insieme ai loro clienti e alla gran parte dei cittadini, il passaggio a pagamento di tutti i parcheggi della circonvallazione.

Treviglio sveglia! Diciamo le cose come stanno: mentre si continuano a spendere montagne di soldi nella nuova fiera, ormai ci è costata 7 milioni di euro e non è ancora aperta, il centro fatica. Bisogna #faremeglio e spendere un pò di quei soldi per animare piazza Setti e fermare quel deserto che sta invadendo il cuore della città.

In evidenza
Post recenti
Tags